Loading...
Casa Aragonese 2018-09-21T14:27:33+00:00

Casa Aragonese

La cosiddetta casa “aragonese” di Fordongianus, è un edifico databile tra la fine del millecinquecento e gli inizi del milleseicento. Essa rappresenta una tipologia abitativa tipica del centro Sardegna (Fordongianus e Abbasanta in particolare) alla quale si sovrappongono elementi architettonici e decorativi appartenenti a un repertorio internazionale, qui giunti attraverso la mediazione spagnola. L’elemento più spettacolare di questa casa, insieme alle pietre lavorate che decorano porte e finestre, è rappresentato dal portico anteriore.

Recuperato in occasione dei restauri del 1980-82 e rimontato secondo il primitivo assetto, rappresenta la maggior differenza che distingue l’architettura domestica di questa zona da quelle del Campidano di Cagliari ed Oristano, dove l’abitazione tradizionale presenta il portico (sa lolla) addossato alla casa e affacciato sul cortile, chiuso da alti muri e accessibile da un grande portale. Qui, il cortile si trova sul retro, dotato di ingresso secondario. Internamente, la casa presenta tredici stanze distribuite in due unità abitative. La prima, acquisita dal Comune di Fordongianus nel 1978, delimitata all’esterno dal porticato, comprende 7 stanze, tre affiancate nella parte anteriore e 4 sul retro e distribuite su un unico piano.

La seconda, acquisita dal Comune nel maggio del 2009, ne comprende 4 al piano terra e due al secondo piano, ottenute soppalcando le due camere anteriori. Originariamente le due parti costituivano un unico edificio e comunicavano grazie ad una caratteristica porta ad angolo, murata sul finire del 1800 per dividere la struttura in due differenti proprietà. Essa è costruita in trachite, prevalentemente di colore rosso, pietra di origine vulcanica presente in grandi quantità nel territorio di Fordongianus. Le porte e le finestre sono riccamente ornate da elementi in stile tardo-gotico aragonese e con contaminazioni di ambito rinascimentale.

Gli ambienti sono caratterizzati dagli armadi a muro, da sedili addossati alle finestre esterne e da tanti piccoli particolari che rendono questa casa unica ed originale La copertura è tessuta secondo una semplice orditura lignea, su cui poggia la caratteristica stuoia di canne, a sua volta coperta dalle tegole. Il retro della casa si sviluppa in settori ben delimitati da muretti e portali, quali l’orto-giardino, la stalla e un ambiente coperto dove sostavano i carri agricoli.
Per l’importanza da essa rivestita nell’ambito dell’architettura tradizionale sarda venne integralmente ricostruita in Piazza d’Armi, a Roma, nel 1911, nell’ambito delle mostre di etnografia italiana organizzate in relazione ai festeggiamenti per il cinquantennio dell’Unità d’Italia.

Orari di apertura e visita

Tutti i giorni dalle:

dalle 09.30 alle 13.00
dalle 15.30 alle 19.00

Attenzione! solo nella giornata del 22 settembre 2018

l’orario di apertura sarà il seguente:

dalle 09.30 alle 11.00 e dalle 15.00 alle 17.00

Biglietteria

Intero

4monthly
  • Il costo comprende la visita alle terme romane

Gruppi - 20 persone min

3Giornaliero
  • Il costo comprende la visita alle terme romane

Ridotto - dai 6 ai 14 anni

2Giornaliero
  • Il costo comprende la visita alle terme romane

Dove siamo

Contattaci Ora!

RECENSIONI

“There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour”


Gaia Vaona, Google Reviews

Straordinaria! Eccellente la guida ad un luogo bellissimo e suggestivo carico di storia da non dimenticare!

Lucalida Masbond, Google Reviews

COMUNICAZIONI IMPORTANTI

In questo momento non ci sono comunicazioni importanti.